Powered by WP Bannerize

Womenonbike
Moto con l'Africa

TEAM “IN MOTO CON L’AFRICA”: IL VIRUS NON LI HA FERMATI

Un team di motocilcisti

Il team di In Moto con l’Africa è un gruppo di lavoro che opera all’interno della struttura organizzativa di Medici con l’ Africa Cuamm con lo scopo di sensibilizzare il mondo delle due ruote e raccogliere fondi a favore della mobilità, soprattutto in moto, nei paesi africani dove opera la ONG. L’ Africa Cuamm è la prima organizzazione non governativa italiana che si spende da settantanni nel continente africano per il diritto alla salute, al fianco di governi, strutture sanitarie e medici locali, garantendo l’accesso alle cure, in particolar modo di mamme e bambini.

Moto con l'Africa
I membri del team di In Moto con l’Africa. Da sinistra: Ugo Passerini, Luigi Fasolato, Nicola Andreetto, Marco Visonà, Michele Orlando e Nicola Penzo

L’epidemia che ci ha colpito non è ancora finita e se sta liberando il nostro Paese si sta spostando in altri luoghi dove potrebbe fare danni ben peggiori per poi ritornare nuovamente più forte di prima anche qui. Non lo abbiamo fatto in questo periodo, durante il quale abbiamo continuato a lavorare al nostro progetto di solidarietà”. Nicola Andreetto del team Moto Con l’Africa – giornalista di settore e documentarista – aggiunge con soddisfazione: “la Federazione Motociclistica Italiana ha riconosciuto il valore del nostro progetto e ha deciso di patrocinarlo. Per noi è un segnale importante che sottolinea la serietà e l’impegno con cui stiamo lavorando a far sì che la moto e i motociclisti siano strumenti di salvezza”.

Chi sono

Fanno parte del team, oltre a Nicola Andreetto, Michele Orlando, che vanta innumerevoli raid in ogni parte del mondo, Marco Visonà, motociclista e viaggiatore appassionato ed entusiasta, Ugo Passerini, giornalista, storica firma della stampa motociclistica, Luigi Fasolato, la quota più giovane di In Moto Con l’Africa, Nicola Penzo, responsabile delle relazioni con il territorio e fundraiser di Medici con l’ Africa Cuamm.

Cosa fanno

Moto con l'Africa

In molti Paesi africani raggiungere un ospedale può essere molto difficile. I territori sono vasti, strade e idonei mezzi di trasporto assenti o quasi. Le condizioni climatiche e del terreno rendono ogni trasferimento molto complesso. Gli aiuti giungono troppo spesso in ritardo.

In queste situazioni la moto diventa la soluzione migliore per raggiungere il villaggio sperduto, portare un malato in ospedale o consegnare un vaccino.

La moto strumento di salvezza

Moto con l'Africa
Moto pronte per i trasferimenti

La moto Abbatte il limite geografico perché può arrivare quasi ovunque. Abbatte il limite culturale, perché non è vista come un’ambulanza, è facile da usare e può dare un ruolo sociale all’interno del villaggio. Abbatte il limite economico, perché ha costi di esercizio bassissimi ed è facile riparare. La moto diventa un autentico strumento di salvezza.

 

La missioneMoto con l'Africa

 

L’obiettivo specifico di Moto con l’Africa è di dotare di moto-ambulanze tutte le regioni africane in cui si opera e consentire a sempre più persone, in particolare mamme e bambini, di raggiungere le cure. Raccolgono fondi per acquistare moto, ma non solo. Si prendono carico dei pieni di benzina e della manutenzione. Sostengono il trasporto locale su due ruote, anche fornendo alle mamme dei voucher per potersi permettere il ritorno a casa dall’ospedale su una moto-taxi. Laddove le due ruote non arrivano, Moto con L’Africa copre i costi dei trasporti in barca o su 4×4.

Per saperne di più visita il sito: https://inmotoconlafrica.org/  o scrivi a info@inmotoconlafrica.org

 

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.