Powered by WP Bannerize

Womenonbike
Moto Guzzi Audace Eldorado

Moto Guzzi Audace

C’è chi la definirebbe una California un po’ alleggerita, ma l’Audace ha una sua personalità. La posizione di guida è allungata, il manubrio drag bar e linee muscolose la fanno un’ottima compagna con cui girare da soli.

I costi

Moto Guzzi Audace €18.690/ Audace Carbon €19.790/ Eldorado €19.890

Estetica

Grossa.  Quasi da far paura, come un toro da prendere per le corna (drag bar) la cui massa sembra emergere anche dai dettagli in carbonio e dalle forcelle col metallo a vista.

Il design tuttavia è ricercatissimo: questa moto nasce italiana ma si sviluppa niente meno che a Pasadena (California) dove eredita alcuni dettagli della  Kustom Kulture statunitense grazie alla penna di Miguel Galluzzi.

Si fa guardare, dai nostalgici ormai agès ai bambini, che ne gustano la linea prepotente e massiccia.

Posizione di guida

Questa moto porta ad allungare le braccia, ma anche le gambe dato che le pedane sono alquanto avanzate: la comodità non è una priorità per chi guida questo mezzo.

Anche il passeggero potrebbe patire il comfort: il sellino posteriore è giusto un accenno che scoraggerebbe anche la “zavorra” più… audace.

Gli allestimenti

Audace Carbon: alcuni dettagli di colore rosso opaco per oscurare le fresature. Si denotano il gruppo ottico circolare, la presenza di elementi in vero carbonio, il puntale sottocoppa, le frecce posteriori integrate, la griglia metallica del radiatore e lo scarico corto a

megafono con flangia di supporto in alluminio pressofuso, dall’aspetto “fuorilegge”, ma all’avanguardia per contenimento delle emissioni inquinanti. Infatti, grazie all’utilizzo di un sistema d’aria secondaria e di un catalizzatore specifico, Audace Carbon è omologata Euro 4.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Eldorado: la stessa moto da un punto di vista prestazionale, però si gioca la carta amarcord con pneumatici a fascia bianca, livrea e cromature che ricordano la 850 di quarant’anni fa e un mix tradizione/innovazione irresistibile per guzzisti (e non).

Moto Guzzi Eldorado

Motore & Ciclistica

Un bel bicilindrio a V trasversale pulsa sotto il telaio a doppia culla in tubi di acciaio. Sei marce e trasmissione a cardano, una potenza esplosiva che – con i suoi 300 kg – mette a dura prova anche i Brembo con pinze radiali.

Tuttavia è una moto agile. Tanto agile che, alleggerite le vibrazioni soprattutto con le marce alte, si guida con una facilità inaudita, quasi strisciando le pedane a terra. La ciclistica è ben bilanciata, il telaio è rigido e le sospensioni regolate a punto che ne fanno una moto ad elevata stabilità.

Dotazione elettronica

A guardarla non si direbbe, ma anche questa moto è dotata di un equipaggiamento elettronico di classe che la portano quasi al pari di una sportiva:

  • acceleratore ride-by-wire
  • tre mappe del motore (turismo, veloce e pioggia)
  • controllo di trazione settabile su tre livelli di intervento
  • ABS e cruise control
  • sistema multimediale MG-MP per collegare il cellulare (opzionale)

In conclusione…

La Guzzi Audace è sicuramente perfetta per presentarsi al bar, ben consci di possedere una moto stilosa ma anche  un marchio rinomato e pieno di storia.

Un po’ come l’omologa di Ducati, il Diavel, questa due ruote fa “eroe della notte”. Pochi fronzoli, quindi non è quella adatta a chi ama le cromature e i luccichii (Eldorado a parte), ma tanta grinta.

Moto Guzzi Audace Eldorado
La Eldorado: l’italiana che rimanda all’America con colori più brillanti e cromature

La Guzzi è una cruiser per antonomasia, eppure l’Audace non soddisfa da questo punto di vista. Non solo la seduta del pilota e del passeggero: anche l’assenza di un cupolino che ripari dall’aria rende infelice qualsiasi trasferimento un po’ impegnativo.

Se vi sentite dark nell’anima. Se da piccole vi attirava di più Easy Rider di Barbie. Se la compagnia non è un’esigenza. Se vi piace il made in Italy… questa moto è fatta per voi.