Powered by WP Bannerize

Womenonbike
Judith Seeberger

Viaggi senza confini, Judith Seeberger dall’Alaska al Cile

Dall’Alaska al Cile. Un viaggio di 138 giorni, 32.000 km, con partenza a Anchorage per raggiungere Santiago del Cile. Così Judith Seeberger, svizzera di Lucerna, ha trasformato un sogno in realtà.

È partita a fine giugno 2015 dalla Svizzera in aereo, la sua moto ha viaggiato via nave: ha iniziato il viaggio il 1° luglio ed è tornata il 24 dicembre, giusto in tempo per fare un regalo di Natale ai suoi cari. Scopriamo l’esperienza della donna in sella Judith.

Com’è nata la tua passione?
Quando avevo 16 anni ero in una fase di ribellione. Mia sorella più grande guidava una moto. Ma mio padre, poliziotto ai tempi, mi impedì di usarla per la quantità di incidenti che vedeva. Quindi ho aspettato di essere abbastanza grande per decidere da sola.

Judith Seerberger

Ci racconti dei tuoi viaggi in Europa?
Il mio viaggio più lungo l’ho fatto con una ragazza svedese che aveva preso la patente da un giorno. 5 settimane tra Francia, Spagna e nord del Portogallo. Gli uomini che abbiamo incontrato sulla strada ci vedevano come una “specie” strana. Dopo queste esperienza ogni anno ho fatto un viaggio di 1 o 2 settimane in Europa, in compagnia del mio fidanzato. L’anno scorso sono stata a Capo Nord. Nel 2012 ho iniziato con il fuoristrada e ho viaggiato in Spagna e Italia, con 4 o 5 amici, sempre maschi.

Cos’è successo quando hai deciso di superare i confini europei?
Ho fatto viaggi da backpacker in passato e volevo fare qualcosa di altrettanto speciale. Il mio lavoro e la mia vita quotidiana sono così normali. Mi sono chiesta: è tutto qui? È per questo che lavoro così tanto da anni? Mi sono risposta: no! Così, il giorno del mio 45° compleanno, ho scritto al mio chef per chiedere 5 mesi di aspettativa. Mi ha sorpresa, era d’accordo.

judyth seerberger
Campeggio a Panama

Perché hai scelto Anchorage – Santiago the Chile?
Quando ho capito che volevo fare un viaggio in giro per il mondo ho iniziato a leggere di motocicliste viaggiatrici. Ho scoperto “Lois on the loose” di Lois Pryce, dove racconta del suo viaggio in America. E ho pensato: wow!

Judith Seerberger
La Suzuki di Judith all’arrivo ad Anchorage, imballata per la spedizione via mare

Come ti sei preparata a questo viaggio?
Prima cosa: risparmiare più denaro possibile. Ho preso 10 lezioni di spagnolo, il lavoro non mi permetteva più tempo. Dovendo contenere lo spazio e ho scelto abbigliamento tecnico e attrezzatura da campeggio. I miei amici del fuoristrada mi hanno fornito qualche utensile per la meccanica. Riguardo il percorso non ho pianificato molto. Mi sono affidata alla mappa e alle persone incontrate lungo la strada. Solitamente organizzo tutto, ma non volevo farlo durante questo viaggio. Per quanto riguarda i visti, non servono, viaggiare è molto semplice.

Judith Seerberger
La mano del desierto in Cile

Le tappe?
Ho guidato in 4 differenti continenti. Alaska e Canada con strade infinite immerse nel verde; perfette per iniziare il viaggio in modo rilassato. Stati Uniti con un paesaggio completamente differente, tra coste, città e splendidi parchi. Messico e il Centro America sono impressionati per i siti archeologici, i vulcani, le bellissime spiagge. Il Sud America è assolutamente unico: le persone, la natura, i passi fino a 4850 m. slm.. Ci tornerò.

Judith Seerberger
Salar de Uyuni in Bolivia

Cos’hai provato per la tua moto durante il viaggio?

Il mio portachiavi aveva un angelo, una strega e un barboncino di peluche rosa. Sul parafango una rana di metallo. A volte, parlavo con loro mentre guidavo: eravamo una piccola famiglia! E la moto era la mia migliore amica. Perché quando sei da sola, dipendi solo da lei.

Judith Seerberger
Una scuola all’aperto in Guatemala

Quali sono stati gli incontri memorabili del tuo viaggio?
Ricordo 5 motociclisti messicani con enormi Harley, a Baja California. Mi hanno invitata a viaggiare con loro per una settimana e ho imparato lo spagnolo. Non mi hanno fatto pagare né un pranzo né una cena.
Pat, un ragazzo americano con cui ho viaggiato dal Guatemala a Panama. Abbiamo fatto strade sterrate che non avrei affrontato da sola.
Il proprietario di un piccolo negozio di alimentari in Guatemala, che mi ha invitata a bere qualcosa per imparare qualche parola della mia lingua.
I motociclisti colombiani e peruviani che mi hanno invitata nelle loro Moto Posadas (case private per motociclisti), dove ho provato nuovi pneumatici e pezzi di ricambio. Anche qui non mi hanno mai permessa di pagare nulla. E non erano affatto ricchi.

Judith Seerberger
LA Monument Valley negli Stati Uniti

Cos’ha di speciale il viaggiare in moto?
Sei indipendente e puoi percepire tutto ciò che è attorno più intensamente: odori, natura, sensazioni. Anche le cose meno piacevoli come tempeste, venti, caldo, freddo, cani arrabbiati, rendono tutto più reale. A volte cantavo forte o addirittura urlavo perché mi sentivo così dannatamente fortunata. Se viaggi da sola le persone si avvicinano e iniziano a parlare con te più facilmente. Sono tutti curiosi di sapere da dove vieni e dove vai. E ho notato che c’è grande ammirazione se sei donna.

Judith Seerberger
Volcanos in Cile, 4.850 sul livello del mare

Quale moto hai e perché hai scelto quella?
Prima del mio viaggio ho avuto diverse moto, tra i 600 e 700 cc. L’ultima è stata una BMW F650GS, con cui ho guidato anche fuoristrada. Poi ho scelto una moto più leggera, una KTM EXC250. Ma la manutenzione in Svizzera è molto costosa (anche in Italia n.d.r.). Così ho cambiato nuovamente con una Suzuki DRZ400 di un amico, soprattutto per il fuoristrada. Per il mio viaggio era chiaro che non potevo scegliere una BMW, troppo pesante e con troppa elettronica. Sarebbe stato anche un disagio: una moto da “primo mondo” che guarda i paesi poveri. Volevo una moto che si potesse riparare facilmente, anche senza un garage moderno. Quindi ho viaggiato con la Suzuki DRZ400. Non me ne sono mai pentita.

Judith Seerberger
USA, west coast

Come te la cavi con la meccanica?
Ho sentito parlare di motociclisti, maschi e femmine, che partono senza alcuna conoscenza della meccanica. E prima che iniziassi a guidare fuoristrada ero una di loro. Non avrei mai riparato o cambiato qualcosa per conto mio sulla mia BMW. Ma per un viaggio del genere dovevo conoscere almeno le basi, come cambio dell’olio, pulizia del filtro dell’aria, cambio dei pneumatici e riparazione dei tubi. Cose che si sono rivelate davvero facili da imparare. Ho portato degli utensili che fortunatamente non ho dovuto usare spesso: non ho nemmeno bucato.
Nelle aree remote non sono attrezzati, ma mi hanno sempre aiutata quando avevo bisogno di un posto per cambiare l’olio ad esempio.
Noi donne abbiamo troppa paura di fare qualcosa di sbagliato. Ovvio, se c’è un uomo a cui piace fare il “lavoro sporco”, glielo lascio fare, ma è bello sapere che potrei fare da sola. E gli uomini ammirano che una donna sia in grado di fare manutenzione, anche se non lo mostrano sempre.

Judith Seerberger
Guado nella foresta tropicale del Nicaragua

Ti sei mai trovata in difficoltà?
Durante tutto il mio viaggio non ho mai avuto problemi. Ci sono stati momenti in cui in qualche modo non mi sentivo tranquilla ad arrivare in un villaggio o in una città. “Ascolta le tue viscere” mi sono detta e ho proseguito. È importante ascoltare i propri sentimenti e parole interiori.
Forse ha aiutato anche il fatto che non ho guidato nelle grandi città del Centro e del Sud America. Ho scelto la campagna: le persone che ho incontrato sono state socievoli e ospitali.
E durante i posti di blocco della polizia e dei militari aprivo sempre la visiera, sorridevo e dicevo nella loro lingua “buon giorno gentiluomini”; quando capivano che ero una donna da sola la maggior parte delle volte non volevano nemmeno vedere i documenti, ma parlare.

Judith Seerberger
La spaiggia di El Salvador

Cosa ti ha insegnato questa esperienza?
Ogni giorno leggiamo di cose brutte che accadono nel mondo e di quante persone cattive vivono in molti paesi. Ma la mia esperienza è stata diversa.
Un esempio? Un motociclista che ho incontrato nel piccolo villaggio Peruan ha inviato un messaggio Whatsapp al suo amico motociclista in un altro villaggio dicendogli che “la señora la Suiza” in moto ha bisogno di un buon posto dove stare. Sono arrivato nel villaggio a circa 150 km di distanza e alla stazione di servizio ho trovato quel motociclista insieme a sua moglie e a sua figlia. Mi hanno portato a casa loro e ho potuto parcheggiare la mia moto nel soggiorno. Mi hanno mostrato dov’è la doccia, mi hanno preparato il caffè e una fetta di torta, poi sono usciti tutti per fare la spesa. Si sono fidati di me e mi hanno lasciata sola in casa loro. Hanno insistito perché dormissi nella loro camera da letto, mentre loro hanno dormito su un materasso nel soggiorno, vicino alla mia moto. Potete immaginare che possa accadere la stessa cosa in Svizzera o in Europa?
Ho imparato che con una mente e un cuore aperti, il sorriso, puoi andare ovunque nel mondo. C’è un detto tedesco che dice che più si pensa alle cose negative più probabilmente queste accadono.

Judith Seerberger
Burr Trail, negli USA

A cosa non puoi rinunciare?
Ho imparato a vivere con pochissime cose, ma una cosa a cui non posso rinunciare in borsa è il mio iPod, per ascoltare le mie canzoni preferite mentre sono davanti alla mia tenda sotto le stelle.

judith seerberger

Un messaggio per le lettrici di Donneinsella?

Un poliziotto in Colombia mi ha chiesto: stai viaggiando da sola (come donna). Perché?” Prima ci ho pensato. Poi la risposta è stata semplice: “Perché no?”
Qualsiasi sogno avete, non sognatelo, ma vivetelo!

 

 

Judith Seerberger
Judith al Canon del Pato in Perù